La mia foto

PERCORSI FORMATIVI

  • VENDITA E NEGOZIAZIONE
    Oggi più che in passato è necessario sviluppare nelle persone addette alla vendita ed al rapporto con i clienti capacità relazionali. Il programma di questo corso permette di conoscere i meccanismi che guidano la relazione interpersonale. Con esercizi pratici saranno forniti validi strumenti per gestire meglio i processi di vendita e post-vendita con i clienti.
  • CORSO DI COMUNICAZIONE EFFICACE
    Come parlare in pubblico, ad un colloquio di lavoro o al tuo miglior cliente? Come aumentare la tua capacità di persuasione? Il corso della durata di 1 giornata è orientato a tutti coloro che vogliono migliorare la loro capacità di relazionarsi con gli altri.
  • "COMUNICAZIONE EFFICACE" PRESENTAZIONE IN AZIENDA
    L'incontro ha la durata di mezza giornata ed affronta alcuni fra i principali fondamenti della comunicazione fra le persone. L'azienda offre in un contesto professionale e qualificato un'occasione unica ad ognuno dei partecipanti (collaboratori e/o clienti) per conoscere e gestire meglio i meccanismi che guidano il mondo delle relazioni fra le persone.

« Stamattina in "Cioccolatteria" | Principale | Stamattina.... fuori dall'ufficio postale »

gen 08, 2007

Commenti

Riccardo

Avrei una domanda non attinente a questo specifico post, ma non so dove metterla.
Nel parlare davanti a un grande pubblico può influire sul successo della comunicazione l'adottare uno stile complementare piuttosto che simmetrico (considerando la varietà di persone cui ci si rivolge)? Per fare un esempio concreto: quando si espone una nuova idea, ha più successo sottolineare il continuum con le idee passate (più da complementare) o rimarcare le differenze e le originalità (più da simmetrico)?
Grazie

Lorenzo

Secondo me, simmetria e complementarietà, presuppone una relazione. Parlare in pubblico è un rapporto "uno a molti" che presuppone una buona relazione con se stessi. Quindi ben vengano le tecniche per parlare bene in pubblico,"riconciliate" secondo la prorpia natura di relazione. Io che sono "complementare" avrò uno stile ed evidenzierò aspetti "emotivi" mentre un "simmetrico" ne avrà altri, nè peggiori nè migliori dei miei, ma semplicemente diversi.
Però....parliamone, il blog serve proprio a questo!

Marcello

Buonasera Dr. Musicco:
volevo sapere se complementarietà e simmetria sono due tendenze assolute o se lasciano spazio a tendenze intermedie?
Grazie

Lorenzo

Marcello,
se scorri i "post" della categoria "leadership analogica" troverai che " simmetria e complementarietà" sono sempre termini associati al concetto di prevalenza. Può cioè succedere che una persona abbia una natura di relazione complementare o simmetrica più accentuata di un'altra, ma la sua caratteristica emotiva rimane simmetrica o complementare.

I commenti per questa nota sono chiusi.