La mia foto

PERCORSI FORMATIVI

  • VENDITA E NEGOZIAZIONE
    Oggi più che in passato è necessario sviluppare nelle persone addette alla vendita ed al rapporto con i clienti capacità relazionali. Il programma di questo corso permette di conoscere i meccanismi che guidano la relazione interpersonale. Con esercizi pratici saranno forniti validi strumenti per gestire meglio i processi di vendita e post-vendita con i clienti.
  • CORSO DI COMUNICAZIONE EFFICACE
    Come parlare in pubblico, ad un colloquio di lavoro o al tuo miglior cliente? Come aumentare la tua capacità di persuasione? Il corso della durata di 1 giornata è orientato a tutti coloro che vogliono migliorare la loro capacità di relazionarsi con gli altri.
  • "COMUNICAZIONE EFFICACE" PRESENTAZIONE IN AZIENDA
    L'incontro ha la durata di mezza giornata ed affronta alcuni fra i principali fondamenti della comunicazione fra le persone. L'azienda offre in un contesto professionale e qualificato un'occasione unica ad ognuno dei partecipanti (collaboratori e/o clienti) per conoscere e gestire meglio i meccanismi che guidano il mondo delle relazioni fra le persone.

« UOMO.... sesso debole? | Principale | La differenza fra il TENNIS e il GOLF »

gen 09, 2007

Commenti

Riccardo

Mi è capitato più volte che qualcuno per strada che avanzava richieste di denaro per quella o quell'altra associazione, mi abbia dato in mano una biro o un oggetto prima di esplicitare la richiesta, e che non la rivolesse indietro fino a quando non avessi, in pratica, ceduto. Secondo le tecniche di persuasione classiche, chi fa questo tenta la strada del "principio di reciprocità", che nel concreto siginifica io dò qualcosa a te (la biro) e tu dai qualcosa a me (l'offerta). Se ci pensiamo è un po' la sensazione che a volte si ha del "sentirsi in debito" quando un'altra persona ci dona qualcosa.
Faccio però una domanda.
La sensazione del "sentirsi in debito" in situazioni come queste, può essere più accentuata nei "simmetrici", che, per loro natura, sentono più dei "complementari" il "senso di colpa"?

Lorenzo

Complimenti al "principio di reciprocità". Vorrei evidenziarlo con un post specifico, se non hai niente in contrario! In merito alla domanda .... è già per palati fini e una risposta puntuale meriterebbe un corso. Però il Blog ha le sue regole e quindi a domanda: si risponde.

Non bisogna confondere simmetria e complementarietà con distonia ESSERE o AVERE.
Vivere il "SENSO DI COLPA VERSO SE STESSI" è una caratteristica dei distonici "ESSERE COMPLEMENTARI". Vivere invece il "SENSO DI COLPA A CAUSA DEGLI ALTRI" è una caratteristica degli "AVERE SIMMETRICI".

Lingua "araba" per molti navigatori di questo blog!!! Ma un tema fantastico e affascinante che si può approfondire gradualmente.

I commenti per questa nota sono chiusi.