La mia foto

PERCORSI FORMATIVI

  • VENDITA E NEGOZIAZIONE
    Oggi più che in passato è necessario sviluppare nelle persone addette alla vendita ed al rapporto con i clienti capacità relazionali. Il programma di questo corso permette di conoscere i meccanismi che guidano la relazione interpersonale. Con esercizi pratici saranno forniti validi strumenti per gestire meglio i processi di vendita e post-vendita con i clienti.
  • CORSO DI COMUNICAZIONE EFFICACE
    Come parlare in pubblico, ad un colloquio di lavoro o al tuo miglior cliente? Come aumentare la tua capacità di persuasione? Il corso della durata di 1 giornata è orientato a tutti coloro che vogliono migliorare la loro capacità di relazionarsi con gli altri.
  • "COMUNICAZIONE EFFICACE" PRESENTAZIONE IN AZIENDA
    L'incontro ha la durata di mezza giornata ed affronta alcuni fra i principali fondamenti della comunicazione fra le persone. L'azienda offre in un contesto professionale e qualificato un'occasione unica ad ognuno dei partecipanti (collaboratori e/o clienti) per conoscere e gestire meglio i meccanismi che guidano il mondo delle relazioni fra le persone.

« OGGI, DAL DENTISTA | Principale | IO e IL MIO UOMO DI NEANDERTAL! »

gen 18, 2007

Commenti

Lorenzo

Imparare a leggere le proiezioni che le persone fanno nel momento in cui dicono certe frasi o, come nel mio caso, "fanno certi "post"" è un'aspetto che ho solo sfiorato nella riflessione N.7 sulla leadership proattiva (pag.75).

Che proiezioni avrò fatto con questo post?


Gigitaly

Se c'è uno che dubito andrà mai "fuori di melone" credo che quello sia tu.
Almeno tanto quanto è difficile che io sia "in equilibrio"

Lorenzo

Visto che nessuno ha avuto l'ardire di dare una risposta, ecco un mio commento sul messaggio.
L'ho riletto attentamente è noto che:
- non "voglio tranquillizzare amici e conoscenti", ma semplicemnte me stesso!
- il timore di perdere l'affidabilità che mi sono costruito negli anni a causa del mio ardire nel sostenere l'importanza professionale del linguaggio analogico viene mitigato ribadendo (anche se non necessario nell'ambito della argomentazione) la mia esperienza professionale in ambiti più tradizionali.

Io non avrei dubbi: una persona così la tratterei considerando una proiezione di disagio emotivo e quindi timore del giudizio.

I commenti per questa nota sono chiusi.